Entbrannt Mais Wodka
Tutti i giochi

Cos’è la vodka?

La vodka è uno spirito (di solito) limpido originariamente prodotto nell’Europa orientale dal grano, con un contenuto alcolico di circa 40% vol. / 80 prove.

Cosa significa vodka? Da dove viene la parola vodka?

La vodka proviene dalle lingue slave dell’Europa orientale e deriva dalla loro parola comune “voda” (o vada), che significa acqua. La vodka è il diminutivo, che significa “poca acqua”. La vodka viene chiamata “poca acqua” a causa della sua somiglianza a prima vista con l’acqua, o perché è così forte subito dopo la distillazione che deve essere diluita a forza di bere con una piccola quantità di acqua. Mentre alcune lingue, in particolare il polacco, lo scrivono “wodka” con una “w”, la parola inglese vodka con “v” deriva direttamente dal russo.

Da dove viene la vodka?

La vodka, o almeno la parola, proviene sicuramente dall’Europa orientale. Soprattutto la Polonia e la Russia vengono discusse come paesi di origine. Tuttavia, la tecnica per distillare l’alcol è molto più antica della vodka come la conosciamo oggi.

La scoperta dell ‘“acqua che brucia”

Le prime prove per le procedure di distillazione hanno migliaia di anni e provengono dalla Mesopotamia. Dopo che le tecniche furono affinate per la prima volta in Arabia verso la fine del primo millennio, la conoscenza della creazione di “acqua ardente” si diffuse in tutta Europa da Bisanzio e in Italia nel Medioevo.

Inizialmente, l’alcol distillato non era usato come bevanda ma come prodotto medico, mescolato con erbe, spezie o miele.

Poi, nel tardo Medioevo, quando l’arte di distillare l’alcol divenne sempre più perfezionata e l’approvvigionamento alimentare migliorò, sempre più cibo fu usato per produrre alcolici ad alta gradazione invece del consumo. Mentre nell’Europa meridionale, venivano spesso utilizzati frutti come il vino. Nell’Europa settentrionale e orientale, si trattava principalmente di cereali e in particolare di segale. La segale è ancora considerata una delle migliori materie prime per la produzione della vodka ed è apprezzata nell’Europa orientale per il gusto dolce che caratterizza la vodka di segale di buona qualità.

Una volta che il genio era uscito dalla bottiglia e la conoscenza di come fare la vodka si era diffusa in Oriente, soprattutto in Russia, era letteralmente impossibile richiudere la bottiglia. Durante la prima era moderna, gli zar tentarono invano di limitare la produzione e la vendita di vodka. Al di fuori dell’area culturale slava, tuttavia, la vodka era quasi sconosciuta. Nel Nord Europa e in Germania si consumava grano o acquavite, e più a sud si coltivava l’arte di distillare acquaviti di frutta.

La vodka nella cultura moderna

I marchi di vodka più famosi di oggi di solito presentano un gusto molto neutro, a meno che non sia aromatizzato con aromi artificiali (vodka aromatizzata). In origine, la vodka, simile ad altri liquori di mais come ad es. German Kornbrand - non era affatto neutro nel gusto, ma aveva il suo aroma, soprattutto di cereali. Ancora oggi ci sono ancora molte piccole distillerie nell’Europa orientale che producono vodka così tradizionale e soprattutto nelle zone rurali, queste sono spesso più apprezzate dei loro discendenti moderni. Ma anche i marchi internazionali più grandi stanno in parte iniziando a ricordare queste antiche tradizioni di distillazione e stanno portando alla luce i brandy speciali corrispondenti. Questo tipo di vodka con “più sapore” è chiamato “stile orientale” dagli esperti, in contrasto con le vodka neutre “stile occidentale”.

La storia della vodka è una storia di continuo scambio tra Oriente e Occidente. Dopo che la vodka era stata per secoli un fenomeno principalmente interno-russo, un “immigrato” dal Sud America raggiunse finalmente l’Europa orientale con un certo ritardo nel XIX secolo: la patata. La patata, che molte persone oggi considerano l’epitome della produzione di vodka, era quindi originariamente straniera. Tuttavia, la pianta economica e abbondante ora ha permesso di produrre quantità ancora maggiori di vodka in modo ancora più economico, con conseguenze spesso drastiche per la qualità. L’abbondanza di alcolici a buon mercato che ha invaso il mercato ha avuto due effetti: da un lato, lo stato ha raddoppiato i suoi sforzi per ottenere il monopolio sulla produzione per quanto possibile (il che ha portato a un corrispondente aumento della produzione di chiaro di luna). D’altra parte, una caratteristica della vodka moderna ha iniziato a svilupparsi. Poiché la vodka prodotta a basso costo dalle patate era spesso difficile da consumare in termini di gusto, divenne sempre più popolare filtrare questi liquori per mascherare la qualità inferiore della materia prima. Furono create le vodka piuttosto neutre che la maggior parte di noi conosce oggi - oggi chiamate “stile occidentale”.

Nel XX secolo la vodka “emigrò”. L’inasprimento dei controlli statali alla fine dell’era zarista, i divieti temporanei da parte dei sovietici e due guerre mondiali hanno spinto molti russi, compresi i produttori di vodka, a lasciare la loro patria per l’Occidente, in particolare l’America. Di conseguenza, la vodka divenne lentamente più conosciuta nel mondo occidentale. La vodka ha avuto la sua svolta finale quando ha iniziato a imporsi come ingrediente popolare nella cultura dei cocktail in via di sviluppo del dopoguerra negli Stati Uniti, principalmente a causa della sua incolore e del suo gusto neutro. Per decenni la vodka è stata anche una bevanda mista popolare nei locali notturni in Europa, soprattutto in combinazione con bevande energetiche come la Red Bull.

Un assaggio di futuro

E il futuro? Nell’ultimo decennio, l’interesse per la vodka è diminuito notevolmente. Ironia della sorte, la caratteristica che ha reso popolare la vodka (neutralità del gusto) è stata sempre più interpretata come arbitrarietà o come mancanza di valore. I distillati dal carattere più individuale, in particolare il gin, si adattano meglio ai valori mutevoli, che sono contrassegnati da una svolta verso cose originali, regionali e artigianali. E così ora si osserva una controtendenza, sia da parte di piccole distillerie che di grandi nomi come Absolut Vodka. Con un ritorno al carattere originale della vodka, i nuovi “stili orientali” e vodka Craft pongono un accento particolare sulle materie prime e sulla loro qualità, poiché il loro gusto deve essere preservato nel prodotto finito. C’è da aspettarsi che a medio termine, le vodka in stile orientale creeranno una base di fan simile tra gli amanti degli alcolici in questo paese come rum o whisky; anche i baristi si rivolgono sempre più a varietà “entusiasmanti” per la creazione di cocktail speciali.

Di cosa è fatta la vodka?

La vodka è fatta con le patate: è quello che di solito senti. Non è nemmeno sbagliato, perché la vodka può (anche) essere fatta con le patate. Inizialmente, però, la vodka era prodotta con cereali, vale a dire segale. Ancora oggi, la maggior parte della vodka è ancora prodotta con cereali, come il grano. Teoricamente, la vodka può essere prodotta da tutte le materie prime contenenti carboidrati, come frutta, canna da zucchero o barbabietola da zucchero, melassa, ecc. Dipende dalla legge del paese di produzione, se uno spirito distillato da tali materiali può essere chiamato vodka.

Come viene prodotta la vodka?

Le materie prime

La produzione della vodka inizia allo stesso modo della produzione di molte bevande alcoliche tradizionali, con il purè. A tal fine le materie prime (es. Grano, patate o frutta) vengono frantumate con acqua e mescolate con acqua; così viene creato il cosiddetto mash. A seconda che i carboidrati siano già presenti nella materia prima sotto forma di zucchero o ancora sotto forma di amido, l’amido potrebbe dover essere scomposto in zucchero in una fase successiva (saccarificazione).

Non appena c’è abbastanza zucchero, viene aggiunto il lievito. I batteri del lievito si nutrono dello zucchero e producono alcol come prodotto di scarto (fermentazione). Il lievito può rimanere attivo nel mash-up solo fino a una certa percentuale di alcol, dopodiché inizia a morire. Normalmente, i metodi tradizionali raggiungono una gradazione alcolica nel mosto inferiore al 10%, i lieviti moderni allevati per la resistenza all’alcol possono raddoppiare questa quantità.

Non appena vengono raggiunti i limiti di fermentazione del lievito, inizia la distillazione. Questo processo, noto ai vecchi tempi come “combustione” dell’alcol, serve a separare e concentrare l’alcol contenuto nel mosto fermentato. A seconda del gusto desiderato del prodotto finale, anche le sostanze aromatiche devono essere trasferite nel distillato. Sostanze indesiderabili o addirittura tossiche dovrebbero rimanere nel residuo, la distillazione. La distillazione può essere ulteriormente utilizzata ad es. nella produzione di energia o nell’agricoltura (come fertilizzanti, mangimi per animali ecc.).

La distillazione della vodka

Per la distillazione, il mosto viene riscaldato in contenitori e semplificato, avviene quanto segue: poiché l’alcol ha un punto di ebollizione inferiore rispetto ad altre sostanze nel mosto, si volatilizza prima e viene raccolto per condensazione e diretto nei contenitori di raccolta. A seconda del metodo esatto di produzione, viene riempito e distillato un recipiente alla volta oppure viene eseguita una distillazione continua. È importante che i componenti tossici e non commestibili siano separati.

Una particolarità dei marchi di vodka internazionali (soprattutto “occidentali”) è che il distillato viene fortemente filtrato prima dell’imbottigliamento, spesso facendolo passare attraverso filtri di carbone attivo. Il risultato è una bevanda molto neutra, che - in casi estremi - è composta solo da alcool puro e acqua. Dopo che la vodka è stata portata al consumo, normalmente tra il 37,5% e il 45%, viene prontamente imbottigliata. In linea di principio, la vodka viene conservata solo in serbatoi di acciaio o di vetro e non in botti di legno, come nel caso del whisky o del rum (marrone). Questo è il motivo per cui la vodka rimane limpida e non assume alcuna nota di gusto dalla conservazione in botte.

Come bere la vodka?

Nell’Europa orientale, in particolare in Russia e Polonia, la vodka è una bevanda nazionale. Ci sono diverse tradizioni su come viene bevuto, ma la maggior parte concorda su alcuni dei punti più importanti. La vodka è generalmente bevuta pura e mai mescolata con succhi o simili. Il ghiaccio non viene solitamente aggiunto direttamente alla vodka, ma piuttosto la bottiglia e / o i bicchieri vengono raffreddati a seconda del gusto.

In Russia la vodka viene solitamente servita nello Stopka, un bicchiere tradizionale che contiene 100 ml, ma è riempito solo a metà. Tuttavia, viene sempre svuotato in una volta. Idealmente, non versi il tuo drink per te stesso, ma qualcun altro lo fa per te. Soprattutto le donne non dovrebbero mai (dover) versarsi. È comune fare dei toast per ogni round consumato. Oltre alla vodka dovrebbe esserci del cibo; cetrioli, pane, pancetta ecc. sono piatti tipici serviti insieme.

In un contesto internazionale, tuttavia, la vodka di solito non viene consumata pura, ma come bevanda mista. A parte i tipi di cocktail più elaborati, la vodka viene spesso consumata nei long drink (dove c’è solo un ingrediente aggiuntivo oltre alla vodka). Esempi noti sono Vodka Red Bull, Vodka Orange, Vodka Lemon o Vodka Soda. Lo scopo è solitamente quello di creare una bevanda in cui il gusto della vodka sia quasi impercettibile. Per lo più, la bevanda viene raffreddata per ridurre ulteriormente il sentore di alcol.

La vodka contiene glutine?

La vodka pura di solito non contiene più glutine.

Tuttavia, se soffri di celiachia, assicurati di controllare qualsiasi bevanda prima del consumo se è adatta a te, poiché ci sono segnalazioni che alcune persone intolleranti al glutine reagiscono ancora negativamente alla vodka fatta ad es. dall’orzo. Non è del tutto chiaro il motivo per cui questo è il caso, una teoria dice che nonostante la distillazione i resti di glutine possono rimanere nella vodka. Un modo per essere sicuri è consumare solo vodka prodotta con risorse prive di glutine, come il mais.

Cos’è la “vodka aromatizzata”?

“Vodka aromatizzata “designa un tipo di vodka a cui vengono aggiunti aromi dopo la distillazione. È necessario fare una distinzione tra vodka aromatizzate da un lato e tipi di vodka orientale o Craft Vodka dall’altro. Con quest’ultima i sapori provengono direttamente dalla materia prima e - poiché c’è una minore filtrazione - rimangono nel distillato.

L’aggiunta di aromi alla vodka o agli alcolici chiari non è una nuova invenzione. In origine, l’alcol distillato era usato come medicinale e non come intossicante e di solito veniva somministrato mescolato con erbe e altri ingredienti.

Vari ingredienti sono e sono stati utilizzati: spezie (es. Pepe, chiodi di garofano, cannella), radici (es. Zenzero), frutta (es. Bacche), erbe, erbe (es. Erba di bufalo), fiori, miele e zucchero.

Le principali marche utilizzano quasi esclusivamente aromi artificiali.

Quali sono i migliori miscelatori di vodka?

Dipende. Se prendi varietà moderne e commerciali che hanno comunque poco sapore, la vodka può essere mescolata abbastanza bene con molte cose. I succhi sono comuni, ma ci sono pochi limiti alla tua immaginazione. Alcuni bevono persino vodka mescolata con latte.

In Russia, birra e vodka sono una combinazione popolare (un detto noto dice: “La birra senza vodka è come buttare soldi al vento / fuori dalla finestra). Simile alla bevanda” U-Boot “, la russa” Yorsh “ viene preparato mescolando una porzione - spesso piuttosto considerevole - di vodka con la birra, a volte facendo cadere il bicchiere di vodka nel bicchiere da birra.

I tipi più tradizionali di vodka con un gusto più proprio spesso non sono così buoni da mescolare o sono comunque intesi per puro divertimento. Molto probabilmente dovrebbe essere gustato sotto forma di cocktail o sour.

Cucinare con la vodka?

La vodka non solo può essere bevuta ma può anche essere usata per preparare il cibo.

Penne alla Vodka

Probabilmente la ricetta della vodka più conosciuta sono le “penne alla vodka”. L’origine esatta della ricetta è sconosciuta. È diventato popolare negli Stati Uniti e in Italia negli anni ‘80, presumibilmente come pasto nelle discoteche. Una prima ricetta per la pasta con la vodka si trova già in un libro di cucina italiano negli anni ‘70. Nel 2016, in occasione della Giornata Mondiale della Pasta, l’Associazione Italiana Pasticceri e Industrie Pastifici ha proposto la ricetta come simbolo di amicizia tra Italia e Russia - ovviamente con successo, visto che da allora le ricerche su internet di penne alla vodka sono aumentate enormemente!

Allora qual è il motivo per cucinare la pasta con la vodka? In effetti, ci sono due ragioni! Innanzitutto, la vodka impedisce all’acidità del pomodoro di separare acqua e grassi nella salsa alla panna: la salsa rimane cremosa! In secondo luogo, l’alcol agisce come un intensificatore di sapore e aiuta a sbloccare i numerosi aromi dei pomodori.

Esistono varie ricette, alcune delle quali molto diverse tra loro; ecco una ricetta classica marchigiana nel centro Italia:

  • Penne 0,5 kg
  • 150 g di pancetta
  • 150 ml di panna da montare
  • 3 cucchiai di olio d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di vodka
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 peperoncino
  • 0,5 kg di passata di pomodoro
  • 1 foglia di alloro
  • Prezzemolo
  • sale
  • Pepe
  • Parmigiano

Per prima cosa tagliate la pancetta a cubetti; Tritate finemente il prezzemolo e il peperoncino. Tagliate lo spicchio d’aglio a fette piatte.

Scaldare l’olio d’oliva in una padella, soffriggere la pancetta, il peperoncino, il prezzemolo e l’aglio e poi aggiungere la vodka.

Condite con sale, pepe e zucchero, aggiungete la foglia di alloro e lasciate cuocere a fuoco lento per circa 15 minuti. Quando la salsa si sarà addensata, condite a piacere e eliminate la foglia di alloro. Infine, incorporare la panna montata.

Contemporaneamente cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e mettetela in una terrina. Versare il sugo sulla pasta, spolverare con parmigiano e prezzemolo fresco e servire subito.

Gamberoni Bloody Mary

Altrettanto gustoso come il cocktail, puoi aggiungere un po ‘di classe in più ai gamberi piccanti usando la vodka.

Avrai bisogno di quanto segue:

  • 3 spicchi d’aglio grandi
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • ¼ cucchiaio di sale di sedano
  • 1 cucchiaio di vodka
  • 400 g di pomodorini in lattina in succo
  • 1 cucchiaio di salsa Worcestershire
  • ½ cucchiaio di zucchero semolato
  • 7–8 gocce di salsa Tabasco
  • 10–12 gamberoni grandi crudi, sgusciati e puliti
  • una manciata di prezzemolo a foglia piatta, tritato grossolanamente

Inizia affettando sottilmente l’aglio e mettilo in una padella piena di olio. Alzare lentamente la fiamma fino a quando l’aglio inizia ad ammorbidirsi, quindi aggiungere il sale di sedano, la vodka e lasciare sobbollire il liquido. Vai avanti e aggiungi i pomodorini, la salsa Worcestershire, lo zucchero e la salsa Tabasco. Portate ad ebollizione quindi abbassate la fiamma e lasciate cuocere a fuoco lento per circa un quarto d’ora, finché i pomodori non saranno diventati morbidi.

Alzate la fiamma e aggiungete i gamberi; cuocetele per circa 5 minuti fino a quando non si saranno scolate. Mettere nei vassoi, aggiungere il prezzemolo e servire, ad es. con crosta di pane fresco.

La vodka è vegetariana / vegana?

In generale, la vodka è vegetariana / vegana.

Russo nero

Pochissimi russi sono neri, questo lo è! La leggenda narra, tuttavia, che nessun russo sia stato coinvolto o ferito nella creazione della bevanda, ma un barista belga l’ha creata per l’ambasciatore americano in Lussemburgo (che era nota per le sue feste radicali). Il nome è spiegato dai due ingredienti, caffè (nero) e vodka (russa).

La preparazione è molto semplice. Secondo l’IBA (International Bartenders Association), due parti di vodka vengono versate in un bicchiere con cubetti di ghiaccio e mescolate con una parte di liquore al caffè (ad esempio Kahlúa) - voilà!

Una variante ben nota è il “White Russian”, dove viene aggiunta panna montata o latte. Questa bevanda divenne molto popolare per un breve periodo da The Big Lebowski. Jeff Bridges aka “the Dude” sorseggia il film con questo cocktail che a volte definisce “caucasico”. Anche se non osiamo valutare se si tratta di PC o meno, una cosa è certa: è nato un classico!

Bloody Mary

Ancora un cocktail o già un pasto? Il Bloody Mary sta andando avanti! È un membro del gruppo di cocktail “Corpse Reviver”, chiamato anche o “Pick-Me-Ups”. Si dice che i postumi di una sbornia possono essere leniti bevendo più alcol (vedi teorema del “pelo del cane”); scientificamente è più credibile che gli ingredienti vegetali della bevanda compensino la perdita di sale e calmino lo stomaco.

La ricetta IBA (International Bartenders Association) prevede che i seguenti ingredienti siano mescolati insieme: 45 ml di vodka, 90 ml di succo di pomodoro, 15 ml di succo di limone (fresco) e due goccie di salsa Worcestershire, condita con Tabasco, sale e pepe a piacere. Versare il composto in un bicchiere e guarnire con una costa di sedano e / o una scorza di limone.

Come per molti cocktail l’origine è controversa. Per uno, viene menzionato l’attore statunitense George Jessel, che presumibilmente mescolò spontaneamente i resti di una bottiglia di vodka con succo di pomodoro, salsa Worcestershire e succo di limone alla fine di una notte di festa nel 1920, come rimedio per i postumi di una sbornia. Si dice che una delle donne presenti, di nome Mary, abbia versato la bevanda rossa sul suo vestito bianco, da cui il nome. Un’altra altra storia sostiene che il barista francese Fernand Petoit abbia inventato il cocktail o interamente da solo (secondo i rapporti di sua nipote) o almeno notevolmente migliorato la ricetta originariamente molto semplice di Jessel (che lo stesso Petoit ha dichiarato). Petoit ha attribuito il nome a un aneddoto di un ospite che gli ha parlato di un bar di Chicago chiamato “Bucket of Blood”, dove lavorava una cameriera conosciuta come Bloody Mary.

Oggi il nome è principalmente associato a Mary Tudor (Mary I) d’Inghilterra. Una cattolica fanatica, ha cercato (senza successo) di riportare l’Inghilterra al cattolicesimo e ha fatto giustiziare centinaia di protestanti - da cui il suo nome.

Petoit in seguito emigrò in America dopo la fine del divieto, il cocktail fu poi per un po ‘spesso a base di gin invece che di vodka, perché il gin era molto più facilmente disponibile della vodka negli Stati Uniti fino agli anni ‘50. Oggi questa variante viene spesso chiamata “Red Snapper” (Petoit aveva tentato di cambiare il nome del cocktail da “Bloody Mary” a “Red Snapper”, senza successo). Dopo che i proprietari russi del marchio di vodka Smirnoff furono costretti a vendere la loro azienda, la nuova direzione americana ha avviato un ampio programma di marketing ed è riuscita a rendere la vodka estremamente popolare negli Stati Uniti in pochi anni - e con essa, tra le altre bevande, il Bloody Maria.

Se lasci fuori la vodka - di te che comunque riesci a malapena a gustare - ti rimane una “Vergine Maria”.

Vodka Crusta

I Crusta Cocktails prendono il nome da una loro particolarità: prima di versare il cocktail vero e proprio nel bicchiere (solitamente un calice da vino o da cognac), il bordo del bicchiere viene inumidito e poi immerso nello zucchero. Si forma così un “bordo” di zucchero attorno al bicchiere, la crosta o “crusta”. Le crostate sono solitamente simili agli acidi, cioè contengono una componente acida, solitamente succo di limone, e zucchero o sciroppo di zucchero oltre allo spirito di base.

Spesso vengono aggiunti cocktail bitter per arrotondare il sapore, in modo che il gusto della crosta oscilli tra il dolce-acido (non come i cinesi) e il secco. Le croste sono solitamente guarnite con scorze di limone o arancia, che vengono tagliate in una lunga spirale e poste nel bicchiere. La miscelazione viene solitamente eseguita in un mixer su ghiaccio, ma il bicchiere stesso non viene riempito di ghiaccio prima che il cocktail venga filtrato.

Il più noto è (o era) il Brandy Crusta, preparato con acquavite o acquavite di vino; I crustas, invece, sembrano un po ‘fuori moda. Pensiamo abbastanza immeritatamente, perché sebbene elaborati nella preparazione, sono ugualmente gratificanti nel gusto e nell’aspetto!

I crustas appartengono ai cocktail più antichi del mondo ed erano già consumati nel XIX secolo - a quel tempo il termine cocktail era definito in modo molto più ristretto, così che una delle prime citazioni scritte dall’autore Jerry Thomas nel 1982 in “How to Mix Drinks, or the Bon-Vivant’s Companion “ha descritto la Crusta come un” miglioramento “del” cocktail “. Secondo Thomas, la Crusta è stata inventata nel 1840 da un barista di nome Joseph Santina a New Orleans. Il brandy era usato come spirito standard, anche se vengono menzionate le croste con whisky o gin. La vodka ha impiegato quasi altri 100 anni per diventare un ingrediente comune per le croste.

Abbiamo fatto delle ricerche per te e abbiamo trovato una ricetta davvero stravagante per una vodka crusta degli anni ‘80, l’epoca d’oro della vodka e delle idee pazze di cocktail!

Prendi due piattini piatti, uno riempito con sciroppo d’arancia (o succo d’arancia), l’altro con zucchero a velo o zucchero semolato. Ora immergi prima il bicchiere da cocktail nello sciroppo / succo d’arancia in modo che la larghezza di un dito del bordo sia bagnata. Quindi premete il bicchiere nello zucchero e giratelo in modo che si formi la “crusta”, lasciate asciugare. Sbucciate un limone in modo che la buccia intera rimanga a spirale, mettetelo nella coppetta da cocktail. Mettere il ghiaccio in uno shaker, aggiungere 3 cl di vodka e 1 cl di brandy (o solo 4 cl di vodka se si preferisce), 1 cl di vermouth rosso, 1 goccio di orange bitter e 1 goccio di angostura bitter. Shakerare energicamente e versare nella coppetta cocktail con la scorza di limone.

Madrina

Un cocktail che potrebbe essere stato un po ‘dimenticato. La variante standard si chiama “Godfather” ed è preparata con whisky. Un marchio di liquori italiano afferma che la bevanda con era uno dei cocktail preferiti dell’attore Marlon Brandon, che ha interpretato un ruolo da protagonista nel classico film di mafia “Il Padrino” (titolo originale “Il Padrino”), da cui si dice abbia avuto origine il nome a partire dal. È vero? Chissà! Almeno un colpo di Italia fa sicuramente parte della bevanda, sotto forma di liquore Amaretto!

Non esiste una ricetta “ufficiale” dell’International Bartenders Association - IBA; solitamente l’amaretto e il liquore si mescolano in un rapporto di 1: 2 o 1: 1. Per preparare la bevanda si riempie di ghiaccio un bicchiere Old Fashioned, si aggiungono gli ingredienti e si mescola delicatamente il composto. Il cocktail viene solitamente servito senza ulteriore decorazione.

Oltre al “Godchild” (con panna) e “French Connection” (con cognac) notevolmente meno alcolici, è particolarmente interessante la variante “Godmother” del cocktail, dove il whisky è sostituito dalla vodka. Anche qui consigliamo una vodka non troppo liscia con un po ‘più di “carattere”. Quando si usa il whisky, lo scotch viene generalmente aggiunto alla bevanda, ma a volte viene aggiunto anche il bourbon. La vodka di mais si adatta quindi particolarmente bene al cocktail della madrina!

Caipiroska

Come molti moderni cocktail di vodka, Caipiroska è una variante di un altro cocktail che non è stato originariamente preparato con la vodka, in questo caso chiamato “Caipirinha”. In Europa, la Caipirinha è spesso preparata con il rum (e quindi dovrebbe effettivamente chiamarsi Caipirissima), ma originariamente la bevanda doveva contenere la cachaça. Cachaçais uno spirito brasiliano che, come il rum, è ottenuto dalla canna da zucchero. A differenza del rum, che è prodotto con melassa di canna da zucchero, la cachaça è prodotta dal succo fresco della pianta. La cachaça, fresca o stagionata, conferisce alla caipirinha sudamericana “genuina” un gusto leggermente diverso.

La variante tradizionale proviene probabilmente dal Brasile, dove nel XIX secolo i proprietari di piantagioni di canna da zucchero servivano bevande simili in occasioni festive. Secondo altre leggende, la bevanda proviene originariamente dal Portogallo, ed era quindi una bevanda calda in cui venivano mescolati acqua, alcool ad alta gradazione, agrumi, aglio e miele per scopi medicinali.

La variante con la vodka si chiama Caipiroska, Caipiroshka, Caipirovka, Caipivodka o Caipirowska. Per crearlo, si sostituisce semplicemente la cachaça o il rum con lo spirito russo. A parte questo, la preparazione rimane la stessa. Un lime viene tagliato a pezzi oa fette e messo in un bicchiere vecchio stile con 4 cucchiai di zucchero di canna bianco (lo zucchero di canna è spesso usato in Europa); gli ingredienti vengono poi confusi con un pestello. Quindi il bicchiere viene riempito con grandi cubetti di ghiaccio, lo spirito viene aggiunto e mescolato delicatamente. La bevanda di solito non è decorata.

Vodka di mais

Il mais non è un cereale classico per la produzione di vodka, ma sta diventando sempre più popolare tra gli intenditori, poiché produce esperienze di gusto particolarmente morbide e delicate. Ecco un elenco (che amplieremo nel tempo) di interessanti varietà di vodka a base di mais che dovresti provare!

Vodka Crystal Head

La vodka ha qualcosa di - scusateci - cazzo di grappolo. L ‘“inventore” è Dan Aykroyd, l’attore che la maggior parte delle persone conoscerà da Blues Brothers o Ghost Busters. È prodotto con mais canadese e riempito in vistose bottiglie a forma di teschio immaginate dal designer John Alexander e realizzate in Italia. Il duo si è ispirato ai famosi teschi di cristallo, che si dice siano stati lasciati dalle antiche culture mesoamericane (ma oggigiorno sono generalmente considerati falsi dei tempi moderni). La vodka viene anche filtrata attraverso i “diamanti” di Herkimer (in definitiva cristalli di quarzo fantasia). Il sito web dell’azienda sottolinea che alcuni “sistemi di credenze New Age” professano che i cristalli di quarzo irradiano energia positiva e sono noti per avere proprietà che promuovono la guarigione e il benessere. La pagina dice anche che, sebbene non possa essere spiegato scientificamente, i consumatori preferiscono la vodka filtrata al quarzo.

Quindi, se ti chiedi cosa succede se unisci tutti gli stimoli del marketing in una volta: “Ghostbuster” Vodka a base di mais canadese, filtrata attraverso pseudo-diamanti esoterici, imbottigliata in teschi di vetro dall’Italia, ispirata a falsi tipo Indiana Jones … perché Non attualmente? Soprattutto da quando la vodka ha vinto più volte l’oro al famoso San Francisco World Spirits Competition, solo per il suo gusto senza tutta la peluria.

Smirnoff

Azienda originariamente russa, la distilleria “Smirnoff” (antica grafia), fondata a Mosca alla fine del XIX secolo, è stata la prima a utilizzare il carbone per filtrare il distillato. è il cognome più comune in Russia (paragonabile a “Smith” o “Jones” nei paesi di lingua inglese) e significa “tranquillo”.

Pyotr Arsenyevich Smirnov è stato il primo produttore di vodka in Russia a utilizzare in modo verificabile pubblicità sui giornali per promuovere il suo marchio e ha anche fatto generose donazioni alla Chiesa ortodossa russa per assicurarsi che non flagellassero la vodka bevendo troppo nei loro sermoni. Presumibilmente allo zar piaceva anche bere la sua vodka e nel giro di pochi anni Smirnov dominò il mercato di Mosca.

In seguito, però, la distilleria fu confiscata dallo Stato e la famiglia Smirnov fu costretta ad emigrare dopo la rivoluzione comunista. Alla fine, l’azienda, ora chiamata Smirnoff, dovette essere venduta negli Stati Uniti. Il nuovo proprietario ha inventato l’ormai famoso cocktail Moscow Mule e ha viaggiato personalmente negli Stati Uniti per promuoverlo. A tal fine ha scattato una foto al barista con la bottiglia Smirnoff e la tazza Moscow Mule in ogni bar dove ha presentato la bevanda.

Questo album fotografico in costante crescita è stato poi utilizzato in altri bar per dimostrare che l’intero paese era già coinvolto nella mania del Moscow Mule. Tradizioni di distillazione russe, abbinate all’imprenditorialità americana della forza bruta!

Dettaglio interessante: poiché la vodka era ancora abbastanza sconosciuta negli Stati Uniti a quel tempo - il whisky dominava il mercato degli alcolici - la vodka è stata ribattezzata senza tante cerimonie come “whisky bianco”, “senza gusto e odore”.

L’Chaim Kosher Vodka

A differenza dell’Islam, nel giudaismo il consumo di alcol non è solo consentito (in linea di principio), ma anche obbligatorio in vari atti religiosi. Ovviamente Mosè non è sceso dal Monte Sinai con una bottiglia di vodka (per quanto ne sappiamo); l’attenzione è piuttosto sul vino. Ma chiunque voglia provare la vodka kosher, indipendentemente dalle convinzioni spirituali, può provare L’Chaim da Israele.

Il netto vantaggio: il nome è la parola ebraica per “applausi” e significa letteralmente “vivi”. La conoscenza della produzione di vodka è stata portata nel paese da emigranti dalla Russia. È fatto con mais e acqua delle alture del Golan.

Vodka fatta a mano di Tito

“Tito dal Texas “non è un latino come si potrebbe pensare, anche lui (probabilmente) non ha nulla a che fare con l’ex dittatore della Jugoslavia. Il suo nome Bert è stato cambiato dalla sua tata di lingua spagnola in Tito (divertente, il suo cognome è” Beveridge “abbastanza vicino a” bevanda”).

Originariamente un geologo e un vero texano nel settore petrolifero, ha iniziato a sperimentare con la creazione di alcolici come regali per gli amici. Nel giro di due decenni, la vodka di Tito si è affermata negli Stati Uniti: quasi ogni decima bottiglia di vodka aperta proviene dalla Tito’s Distillery di Austin, in Texas (per inciso, la prima distilleria in Texas dal divieto).

Secondo lo stesso Tito, la materia prima mais fornisce un gusto particolarmente morbido e puro. Una doppia medaglia d’oro al San Francisco World Spirits Competition e il fatto che American Airlines abbia servito la Vodka fatta a mano di Tito solo dal 2013 parlano da soli!

Stolichnaya

Un classico dell’Unione Sovietica e una delle vodka più popolari al mondo! (Una piccola nota storica: dopo l’espulsione dalla Russia della famiglia Smirnov, eponimo del famoso marchio di vodka Smirnoff, la loro distilleria è stata rilevata dallo Stato, dove oggi si produce in parte Stolichnaya). Per quanto riguarda l’anno di fondazione del marchio ci sono affermazioni contraddittorie. Tuttavia, è accertato che “Stoli” proviene dalla distilleria di Mosca “Crystal”, fondata all’inizio del XX secolo come impianto di produzione di vodka autorizzato dallo stato. Dopo l’ascesa al potere dei comunisti e la fine della seconda guerra mondiale, Stoli fu presentato al mondo alla Fiera Internazionale di Berna all’inizio degli anni ‘50, dove la vodka vinse premi. Tuttavia, già negli anni ‘30 e ‘40, ci sono indicazioni che il marchio sia stato registrato e la produzione sia iniziata. Negli anni ‘70, Pepsi fece un accordo con l’Unione Sovietica che concedeva alla Pepsi i diritti di commercializzazione per la vodka Stoli in Occidente, mentre in cambio la bevanda analcolica era il primo prodotto di consumo americano ad essere lanciato in Russia. Con il crollo dell’Unione Sovietica, il marchio è stato de facto privatizzato, che è stato successivamente contestato dal governo russo. Oggi, sia una società privata che una società russa di proprietà statale producono una vodka chiamata Stolichnaya, e le due sono state in controversia legale per decenni.

Tuttavia, generalmente lo Stoli è fatto di grano e segale, quindi perché la menzione qui? Molto semplicemente, Stoli ha lanciato nel 2016 una vodka ufficialmente senza glutine, chiamata “Stolichnaya gluten free”. Ora potresti chiederti se questo è solo uno scherzo pubblicitario; La vodka è in linea di principio priva di glutine, poiché la distillazione lascia solo l’alcol. Tuttavia, poiché il pubblico sta diventando sempre più consapevole delle questioni riguardanti il glutine e molti pazienti celiaci vogliono essere al sicuro, Stoli ora offre anche una vodka di mais.

Solo mais? “Stolichnaya gluten free” ha un’altra caratteristica speciale: è una vodka che non è prodotta solo da una materia prima. Oltre all’88% di vodka di mais, il restante 12% è costituito da vodka di grano saraceno (entrambi cereali senza glutine). Questo speciale Stoli è quindi una “blended vodka” o una vodka cuvé, se vuoi! Già solo per questo vale la pena degustarlo; alcuni descrivono il gusto come leggermente più leggero e più dolce della varietà standard di Stolichnaya.

Entbrannt Wodka

Se desideri provare una vodka austriaca o apprezzare liquori meno neutri come whisky, rum o liquori pregiati, Entbrannt Wodka potrebbe essere la cosa giusta per te. Il giovane (2019) marchio della provincia della Stiria in Austria si concentra sulla produzione di piccole quantità, utilizza metodi di distillazione originali dell’Europa orientale e li combina con la tradizione austriaca del brandy. Entbrannt è un autentico “Stile Orientale” o “Craft Vodka”, in cui gran parte degli aromi e dei sapori del mais vengono conservati nel prodotto finito. Il risultato è una vodka estremamente interessante, adatta sia al consumo puro che come ingrediente unico per cocktail. A seconda della temperatura di servizio predominano i gusti di cereali e spezie o note dolci.

I 5 migliori cocktail di vodka

✍️  21 agosto 2020

🔥 solo molto popolare

Non ho mai Hype! Potrebbe piacerti questo:

Altri giochi di società come L'ultima guida alla vodka

Se sei L'ultima guida alla vodkacome, non dovresti perdere questi giochi di società:

Scopri tutti i giochi di società